Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » Coronavirus: tutte le misure varate dalla Regione

Coronavirus: tutte le misure varate dalla Regione

Regione
lun 24 feb, 2020

Domenica 23 febbraio 2020 il presidente della Regione ha varato nuove misure contro la diffusione della malattia infettiva COVID-19, con un'ordinanza emanata e firmata a conclusione di un lungo incontro tra presidente, assessore al diritto alla salute, direttore dell'assessorato e la task force regionale sull'emergenza Covid-19.


La nuova ordinanza - che alleghiamo - stabilisce:

  • L’obbligo per i viaggiatori di segnalare il rientro, oltre che dalle aree a rischio della Cina, anche da Paesi in cui la trasmissione dell'infezione è significativa secondo le indicazioni Oms; in questa disposizione rientrano anche i comuni italiani soggetti a misure di quarantena disposte dall'autorità (Regione/Governo).
  • La raccomandazione a tutte le persone che manifestano febbre, tosse e altri sintomi influenzali di rimanere a casa e chiamare il proprio medico.
  • Le indicazioni per i medici di famiglia su cosa fare in presenza di un caso sospetto e la disposizione per medici di famiglia e pediatri di assicurare la contattabilità telefonica dalle 8 alle 20 nei giorni feriali e festivi.
  • Per quanto riguarda gli ospedali, l'indicazione di limitare per quanto possibile gli ingressi/varchi ai presidi, per ridurre l'accesso privo di sorveglianza; istituire check point e sensibilizzare i visitatori all'utilizzo dei disinfettanti per le mani; invitare a ridurre il numero degli accompagnatori e/o visitatori. Raccomandazioni specifiche per le situazioni di isolamento.
  • Infine, la sospensione (per i 180 giorni di emergenza proclamati con atto nazionale) della penalità per la mancata presentazione, senza preavviso, agli appuntamenti specialisti.

Queste misure si affiancano a quelle indicate nell’ordinanza regionale N.1 del 21 febbraio 2020 “Misure organizzative ed attuative dell’ordinanza del Ministero della Salute del 21 febbraio 2020 contro la diffusione della malattia infettiva COVID-19”, che ha validità di 90 giorni e stabilisce che:

 

ART. 1

  1. Le aziende USL della Toscana istituiscono un numero unico aziendale attivo dalle ore 8.00 alle ore 20.00 e dalle 20.00 alle 8.00 con casella di segreteria, con traduzione in lingua cinese, al quale i soggetti che abbiano avuto contatti stretti con casi confermati di malattia infettiva diffusiva COVID-19, ovvero coloro che, negli ultimi 14 giorni, abbiano fatto ingresso in Italia dopo aver soggiornato nelle aree della Cina interessate dall’epidemia, come identificate dall’OMS devono comunicare i propri dati personali e precisamente: nome, cognome, indirizzo, domicilio e numero di telefono.
  2. Per i soggetti che abbiano avuto contatti stretti con casi confermati di malattia infettiva diffusiva COVID-19 è disposta dall’azienda sanitaria territorialmente competente la misura della quarantena con sorveglianza attiva.
  3. Per i soggetti che, negli ultimi 14 giorni, abbiano fatto ingresso in Italia dopo aver soggiornato nelle aree della Cina interessate dall’epidemia l’azienda sanitaria adotta la misura della permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva. Qualora vi siano particolari condizioni ostative alla permanenza domiciliare l’ASL d’intesa con le competenti autorità locali e con le associazioni di volontariato troverà misure alternative di efficacia equivalente.
  4. L’operatore sanitario che ha preso in carico il cittadino in sorveglianza attiva, darà tutte le disposizioni comportamentali d’igiene personale per ridurre al minimo i contatti con altri soggetti.
  5. Nei casi di cui alla lettera c), il personale sanitario delle aziende USL effettua giornalmente una rilevazione sulle condizioni cliniche del soggetto. Qualora subentrino lievi sintomi quali rinorrea, tosse, difficoltà respiratorie e rialzo febbrile, varrà effettuato presso il domicilio il tampone oro – faringeo. In caso di positività, il soggetto viene trasferito mediante 118 in isolamento ospedaliero.

ART. 2

  1. Si confermano tutte le misure di prevenzione già adottate. Inoltre al momento dell’accesso al Pronto soccorso, l’addetto alla rilevazione dei dati anagrafici, richiede all’utente di dichiarare se nei precedenti 14 giorni ha avuto contatti stretti con casi confermati di malattia infettiva COVID-19 , ovvero abbia fatto ingresso in Italia dopo aver soggiornato nelle aree della Cina interessate dall’epidemia.
  2. In caso di risposta positiva si attiva il protocollo vigente per la gestione dei soggetti a rischio di malattia infettiva COVID-19 adottato da tutte le aziende USL.
  3. Si conferma inoltre il divieto di accedere alle strutture sanitarie per gli individui di cui all’art. 1 punti 2 e 3 e di utilizzare i numeri della sorveglianza attiva per ogni comunicazione , informazione e necessità.
  4. Per coloro che siano sottoposti al regime di sorveglianza attiva, l’azienda USL rilascia, su richiesta, certificato che attesta lo stato di malattia.

 

Sulle pagine del sito della Regione informazioni e i link utili per conoscere meglio il fenomeno del coronavirus 2019-nCoV

Allegato: ordinanza.pdf (122 kb) File con estensione pdf

Condividi

Notizie e Comunicati correlati

Il Comune di Poggio a Caiano aderisce alla raccolta firme per la Petizione popolare "RICONOSCIMENTO DI FIBROMIALGIA (FM) ENCEFALOMIELITE MIALGICA BENIGNA (ME/CFS) SENSIBILITÀ CHIMICA MULTIPLA (MCS)". Riportiamo dal testo della petizione:  "Si chiede ....
gio 29 apr, 2021
Segnaliamo una misura promossa dal Ministero per lo Sviluppo Economico a sostegno di famiglie a basso reddito (reddito Isee inferiore a 20mila euro) per l’acquisto di un abbonamento internet e pc/tablet. Si tratta del voucher dal valore massimo ....
sab 10 apr, 2021
Prosegue a Poggio a Caiano la distribuzione gratuita delle mascherine chirurgiche. Grazie ad un’apposita fornitura da parte della Regione Toscana, a partire da sabato 10 aprile sarà possibile per i cittadini ritirare i dispositivi presso la sede ....
gio 08 apr, 2021
Venerdì 2 aprile, dalle 20 in poi, il Comune di Poggio a Caiano illuminerà di blu le Scuderie medicee per aderire al Blue Day, iniziativa internazionale istituita nel 2007 dall’Assemblea delle Nazioni Unite per fare sensibilizzazione sull’autismo ....
mer 31 mar, 2021