Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » La Fattoria medicea all'Expo come esempio di avanguardia zootecnica

La Fattoria medicea all'Expo come esempio di avanguardia zootecnica

La Fattoria di Lorenzo il Magnifico presentazione
gio 11 giu, 2015

Presentato questa mattina, ai Chiostri dell'Umanitaria, all'interno di Toscana Fuori Expo 2015, il libro di Marco Masseti “La Fattoria di Lorenzo il Magnifico”, edito dal Comune di Poggio a Caiano, dal Comune di Prato e dal Centro Educazione del Gusto di Prato, con la prefazione di Gian Antonio Stella

Occhi puntati sulla Fattoria di Lorenzo il Magnifico e sul complesso mediceo di Tavola/Poggio a Caiano questa mattina ai Chiostri dell'Umanitaria a Milano, per Toscana Fuori Expo 2015, la vetrina parallela all’esposizione milanese che mette in mostra le eccellenze, alimentari e non, del territorio regionale. E' stato infatti presentato il libro “La Fattoria di Lorenzo il Magnifico – Gli animali domestici e selvatici delle Cascine di Poggio a Caiano (Prato): un esperimento pilota nella gestione delle risorse agrosilvopastorali della Toscana del XV secolo” di Marco Masseti, pubblicato dal Comune di Poggio a Caiano, dal Comune di Prato e dal Centro Educazione del Gusto di Prato, con il patrocinio di Slow Food – Prato e in collaborazione con l'associazione P.A.C.M.E.. Con la prefazione di Gian Antonio Stella e l’introduzione del professor Carlo Giovanni Violani, il volume è uno studio multidisciplinare che ricostruisce, attraverso l’interpretazione comparata di documenti letterari, iconografici ed archeologici, le caratteristiche e la storia degli animali della Fattoria medicea, sia quelli allevati che quelli cacciati nei suoi territori, oltre che della innovativa gestione “aziendale” della stessa. «E' un'occasione importante per Poggio a Caiano – ha commentato il sindaco Marco Martini – , e per richiamare l'attenzione delle istituzioni sulla situazione della Fattoria medicea, un bene architettonico preziosissimo che è dovere di noi amministratori tutelare, mettendoci in prima linea. Mi auguro che il libro e la giornata di oggi costituiscano un punto di ripartenza per recuperare, lavorando in sinergia, questa struttura». Ricordando l'unitarietà storica e funzionale tra il Brago, la Villa e le Cascine medicee nel disegno di Lorenzo il Magnifico, il primo cittadino ha sollecitato poi gli enti firmatari del protocollo d'intesa per il Ponte Manetti a trovare una soluzione per sbloccare i finanziamenti per la ricostruzione della struttura, il cui progetto esecutivo è già da più di un anno completato e approvato in conferenza dei servizi, la cui realizzazione consentirebbe di ristabilire la continuità originaria del complesso.

Un vero e proprio convegno sull'origine e sulla storia delle Cascine e della Fattoria medicea quello di stamattina, moderato dall'assessore alla Cultura del Comune di Poggio a Caiano Giacomo Mari, che ha affermato: «Le Cascine si trovano oggi in condizioni pessime. Leggendo il libro, la cui pubblicazione abbiamo fortemente voluto, si capisce quanto la Fattoria e le Cascine siano state un modello di avanguardia per l'allevamento nella Toscana del XV secolo e quanto il progetto mediceo possa essere ancora attuale. Grazie alla ricostruzione fatta dal professor Masseti, stiamo lavorando a scenari concreti di sviluppo economico e turistico del nostro territorio».

Tanta poi la curiosità del pubblico, composto, tra gli altri, anche da studenti di architettura e biologia, per la “lezione” di Marco Masseti, autore del libro e professore del Dipartimento di Biologia dell’Università di Firenze, che ha passato in rassegna tutte le specie animali, provenienti dalle più disparate zone del Mediterraneo, presenti alle Cascine ai tempi di Lorenzo il Magnifico: bufali, conigli, fagiani, pavoni, daini, fenicotteri, vari uccelli esotici e, leggenda non confermata dalle fonti, addirittura una giraffa.

A chiudere la presentazione, a cui hanno partecipato anche l’assessore alle Politiche economiche del Comune di Prato Daniela Toccafondi, il capo delegazione del Fondo Ambiente Italiano Prato e Pistoia Rosita Galanti, la responsabile nazionale dei “Luoghi del cuore” FAI Federica Armiraglio e il professor Carlo Giovanni Violani, del dipartimento di Biologia e Biotecnologie dell’Università di Pavia, l'intervento di Angelo Formichella, dell’Ordine degli Architetti PPC della provincia di Prato, dal titolo “La Cascina di Lorenzo: architettura e paesaggio”.

Condividi

Notizie e Comunicati correlati

Regione Toscana, al fine di ottimizzare gli interventi per il contenimento dei consumi energetici nonché indirizzare gli utilizzi di sistemi di riscaldamento verso forme meno inquinanti, ha avviato un’indagine esplorativa relativa all’utilizzo ....
sab 27 feb, 2021
Novità riguardo al Bando pubblico finalizzato al miglioramento della qualità dell'aria nell'area "Piana Prato - Pistoia". Sono previsti contributi per la sostituzione dei generatori di calore e per l'acquisto di biotrituratori nei comuni di Agliana, Carmignano, ....
ven 12 feb, 2021
“Ci è stato comunicato poche ore fa dalla direzione regionale dei Musei della Toscana, direzione che fa capo per l’appunto al Ministero dei Beni Culturali, che entro la prossima settimana la Villa Medicea riaprirà” così il sindaco di ....
ven 03 lug, 2020
Visto il perdurare della chiusura al pubblico della Villa Medicea di Poggio a Caiano, il sindaco Francesco Puggelli, il 30 giugno 2020, ha scritto una lettera al ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo Dario Franceschini e al ....
mer 01 lug, 2020

Immagini correlate

Vigneti
Giardino Limonaia
Chiesa di Santa Maria del Rosario
Ponte Manetti "oggi"
La facciata principale
Palazzo Comunale  immagine precedente
Chiesa di Santa Cristina in Pilli
Baluardo della Villa
Tramonto su Poggio